Ultima modifica: 18 ottobre 2018

Il maestro Galli a Roma al Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica

Sintesi della riunione del comitato presieduto dal prof. Luigi Berlinguer che si è tenuta a Roma il 26 settembre presso il MIUR

COMITATO NAZIONALE PER L’APPRENDIMENTO PRATICO DELLA MUSICA PER
TUTTI GLI STUDENTI

SINTESI RIUNIONE

Il giorno 26 settembre 2018 alle ore 11:30 presso il MIUR – Salone dei Ministri in Roma si è riunito il Comitato nazione per l’apprendimento della musica presieduto dal prof. Luigi Berlinguer.

Il Presidente apre la seduta informando il Comitato che, al termine di un lungo iter burocratico,l’apprendimento pratico della musica in ogni ordine e grado scolastico è stato finalmente riconosciuto nella sua fondamentale importanza formativa ed è stato inserito all’interno della legge 107/15. Questo importante risultato si deve anche al lavoro del Comitato stesso che, ormai da alcuni
anni, si è impegnato costantemente in questo senso. La legge, però, pur nella sua specificità non indica quali siano i passi concreti da intraprendere per l’applicazione e l’inserimento nella normale vita scolastica di questa tappa fondamentale all’interno della formazione dell’individuo. In questo
senso esiste un DL 60 che cerca di fornire qualche linea guida più precisa. E’ in questa prospettiva che il lavoro del Comitato acquista ancora più importanza in questa fase.

I punti da cui partire per la riflessione e le proposte concrete si concentrano su due aspetti principali: i recenti risultati ottenuti dalla ricerca scientifica in materia di “età evolutive” e la preparazione dei singoli docenti che dovranno operare fattivamente nelle varie realtà scolastiche.
Entrambi sono profondamente inter-connessi.

Per quanto concerne il primo aspetto: dalle ricerche più recenti in materia emerge che, per l’apprendimento delle normali capacità di alfabetizzazione (sia inerenti all’area linguistica che per quelle dell’area matematica), il momento migliore sia quello che parte dai sei anni d’età. Sarebbe quindi prematuro insegnare le suddette competenze prima di quell’età. Di contro il linguaggio
musicale, data la sua natura e con le sue specificità, si inserirebbe benissimo nel periodo antecedente l’ingresso alla scuola primaria, trovando i bambini della scuola dell’infanzia in un momento assolutamente felice per intraprendere il cammino sulla via musicale e riuscendo a mantenere una sorta di “esclusività” irripetibile in tutto l’arco del percorso di studi, quale che sia.

In questa cornice emerge quindi il secondo punto sopracitato: la specificità dell’insegnamento musicale e l’alto livello di competenze che esso richiede. E’ di grande importanza, in questo senso, unire alle competenze più squisitamente musicali anche quelle necessarie conoscenze e metodologie che, soprattutto in una fase così delicata quale quella della scuola dell’infanzia e primaria,
permettano di ottenere e consolidare un vero e proprio “cammino di apprendimento musicale”.
Compito dello Stato, alla luce della Legge 107, è quindi quello di rendere questo percorso realtà anche fornendo docenti ai singoli Istituti. A sua volta, compito del Comitato è proprio quello di agire in quanto gruppo di pressione culturale (cit.) in questo senso favorendo la creazione di un gruppo di lavoro che si occupi di entrare nel merito attuativo della legge 107.

A latere e al termine della sessione il Presidente presenta due altri progetti che vedono il Comitato coinvolto direttamente. Il primo sono le celebrazione per i 150 anni dalla morte di Gioachino Rossini, figura di estrema importanza non solo nella storia della musica del ma anche nel panorama culturale e storico del periodo. Il prof. Berlinguer caldeggia una o più giornate scolastiche che vedano la figura del compositore marchigiano al centro dell’attività didattica, anche in un’ottica di transdisciplinarietà con le altre materie del curricolo scolastico.
Da ultimo viene presentata l’iniziativa denominata “Piazza InCanto”; già attuata con successo a Napoli sarebbe ora auspicabile la sua riproposizione a Milano nella primavera del 2019. Per questa manifestazione il Comitato intende svolgere il lavoro organizzativo teso alla sua realizzazione.

La seduta viene sciolta alle ore 14.30.
relazione_comitato musica

Link al sito del comitato

Allegati