Ultima modifica: 7 novembre 2013

Bonaventura Cavalieri

 Bonaventura Cavalieri

BONAVENTURA CAVALIERI
Milano 1598 – Bologna 1647

Bonaventura Cavalieri entrò giovanissimo nell’ordine dei Gesuiti (1615). Fu scolaro a Pisa del Castelli che ne percepì le notevoli attitudini per le scienze matematiche. Il suo nome è giustamente noto per la sua opera sulla geometria degli indivisibili (1635), che Cavalieri usò per determinare aree e volumi, rappresentò una tappa fondamentale per la futura elaborazione del calcolo infinitesimale.

Galileo Galilei lo considerava uno dei maggiori matematici del suo tempo, e fu con il suo appoggio che nel 1629 Cavalieri divenne lettore presso l’Università di Bologna, dove trascorse gli ultimi anni della sua vita molestati da continui malanni.

I suoi studi costituirono un sicuro punto di riferimento per alcune delle ricerche geometriche del giovane Evangelista Torricelli. Alla sua morte il suo posto venne occupato da Giovanni Domenico Cassini.